Abbiamo avuto il piacere di presenziare ad un interessante evento organizzato dagli amici del Ring 223. A due passi dalla cornice medievale offerta dall’Arengario di Monza, presso la Trattoria La Caprese, la sera di martedì 18 giugno si è tenuta la Prima Edizione del Concorso di Close-Up “Trofeo Alessandro Sioli”, dedicato alla memoria e alla passione di un grande prestigiatore nel panorama della magia milanese che fu presidente del Ring 223 dal 1977 al 1995.
La manifestazione nasce da un’idea di Camillo Papini, in arte Mister Magico Camy, professionista affermato a livello internazionale e socio anche del CLAM, con l’intento di creare un momento d’incontro tra professionisti e appassionati di Arti Magiche mantenendo però un profilo volutamente informale che consenta soprattutto di divertirsi e far divertire, senza per questo nulla togliere al livello tecnico e artistico che si è attestato su standard di grande eccellenza.
Facendo seguito a questo proposito, il concorso è stato organizzato inserendolo nel contesto di una situazione lavorativa reale, nella quale i vari Artisti si sono esibiti alternandosi ai tavoli del ristorante davanti ad un pubblico “profano”, dando l’opportunità ai giudici di effettuare una valutazione sul campo e agli Artisti di poter beneficiare dei positivi stimoli che derivano dall’interazione diretta con lo spettatore.
Nell’ambito di questa formula, ci è parsa interessante la possibilità offerta al pubblico di mostrare il proprio gradimento a mezzo di schede che consentivano di esprimere un voto sulle esibizioni dei diversi concorrenti per poi produrre una classifica finale in affiancamento a quella della giuria ufficiale.
La serata è stata presentata con professionalità e grande simpatia dal bravo Tiziano Ciovini, in arte Tittix, e ha visto anche l’intervento del Presidente del Ring Shaun Yee in veste di giudice e cerimoniere.
Il concorso era aperto a tutti i Club Magici e dobbiamo dire, non senza una punta di orgoglio, che il CLAM è stato degnamente rappresentato da un nutrito drappello di prestigiatori di tutte le fasce di età e diversi gradi di esperienza.
Come non citare la presenza di un agguerritissimo Attilio Calligaro, in arte Hattil che, pur non potendo esser proprio definito un esordiente, si è cimentato tra i tavoli con energia e simpatia, dimostrando come la passione per la nostra Arte non conosce confini di tempo.
Fiore all’occhiello della serata è stata senza dubbio la partecipazione del nostro socio e consigliere Antonio Polli, il quale, con la sua grande abilità nel coinvolgere il pubblico e nel mascherare con un sorriso routine di altissimo livello tecnico, ha animato la manifestazione catalizzando l’attenzione dei presenti ed aggiudicandosi meritatamente sia il Primo Premio della Giuria che il premio di gradimento del pubblico.
Il socio Raffaele Scircoli si è guadagnato un’ottima seconda piazza, riuscendo a stupire il pubblico in particolare grazie ai suoi notevoli effetti di “spoon bending” che sono stati valutati favorevolmente anche dalla giuria di addetti ai lavori.
E infine dobbiamo ammettere che ci fa davvero piacere citare il degno e meritato vincitore del Terzo Premio: Pietro De Lorenzi, in arte Mago Jason. Crediamo si tratti di un giusto riconoscimento ad un artista non più in erba che possiede uno stile unico e irripetibile nel panorama del CLAM. Abbigliamento, modo di porsi, approccio verbale fluente, modi sempre garbati e rispettosi, una giusta quantità di ironia e una consumata esperienza per Jason costituiscono ormai una seconda natura. Pause che per altri costituirebbero tempi morti con lui assumono invece un grande valore quando utilizzate nei momenti di “climax” per generare l’attesa o sottolineare l’evento.
Il terzo posto conseguito dall’amico Pietro De Lorenzi ha un significato che va oltre il mero piazzamento. Esso può costituire un invito alla riflessione per tutti coloro i quali, giovani e meno giovani, si affannano a cercare solo nell’esasperazione della difficoltà tecnica la realizzazione della loro performance, dimenticando che la magia non si esegue solo per se stessi e che vi sono alcuni dettagli importanti che non vanno trascurati per far vivere allo spettatore un’esperienza magica davvero coinvolgente ed emozionante.
Desideriamo fare i nostri sinceri complimenti agli organizzatori del “Trofeo Alessandro Sioli” e a tutti i prestigiatori che si sono cimentati dimostrando grande passione e voglia di fare. Siamo certi che questi momenti di aggregazione possano solo far bene al mondo della Magia.
Arrivederci alla prossima edizione!

Autore: Gianpaolo Di Bella